Psicologia – Medici e Biopsicologia Applicata

Per una piena comprensione di quanto segue consigliamo di visitare la pagina dell’Istituto di BioPsicologia
e del modello applicativo proposto; la  premessa alla sezione Aree Professionali,
nonchè gli articoli sulla Biospicologia e il programma deI corsi.

Come descritto in altra parte la Biopsicologia fa proprio lo studio delle possibili trasformazioni e interazioni tra aspetti energetici, contenuti psichici e strutture biologiche degli organismi viventi.  In un ambito applicativo l’Istituto di Biopsicologia Applicata focalizza  l’attenzione sulle interazioni biopsicologiche che riguardano più direttamente l’azione dei vissuti emozionali e conflittuali attuali, biografici, trans-generazionali ed archetipici sulla matrice biologica.Il modello applicativo dell’Istituto fa propria l’ipotesi che un percorso di sviluppo e riorganizzazione degli aspetti energetici e corporei delle persone, attraverso un approccio esperienziale e l’uso di manualità “dedicate”, si accompagni allo sviluppo di capacità auto-percettive, di consapevolezze emozionali e cognitive, di riconnessione a radici conflittuali trangenerazionali così come a forze di autorealizzazione globali,  ognuna di queste indispensabile sia allo sviluppo della salute e della “guarigione” da situazioni di sofferenza sia alla comprensione e realizzazione del senso proprio e della funzione unica e irripetibile della propria esistenza.

Facciamo il punto su quanto è comunemente considerato ed utilizzato di queste interazioni in ambito medico, psicologico anche per meglio comprendere i vantaggi che può offrire il nostro Istituto sul piano culturale e formativo a queste catergorie.

Se nella medicina accademica è rimasto inalterato il dualismo corpo/mente ed una lettura riduzionistica degli eventi connessi, obsoleti entrambi da oltre un secolo ( non bastano certo le generiche attribuzioni all’azione dello stress e al “problema psicologico” a cui si appella il medico quando non sa più dove aggrapparsi), anche nella psicologia difficilmente si trova una piena comprensione delle manifestazioni corporee, fisiologiche o bio-disfunzionali.

Per la maggior parte degli psicologi i distubi fisici o le malattie dei loro clienti sono, ad esempio, esclusiva materia medica e non vi è piena consapevolezza dell’enorme e specifico ruolo informativo che i sintomi e le malattie offrono del contesto caratteriale e conflittuale della persona.

Se si inizia finalmente a vedere una migliore disponibilità verso un ampliamento dell’intervento in tale direzione ( vedi alcuni splendidi esempi in ambito oncologico) la collaborazione tra le due figure si limita,di solito, ad un rinforzo o sostegno cognitivo-comportamentista da parte dello psicologo per il raggiungimento di obiettivi clinici, preventivi, terapeutici o a presidi per la riduzione dello stress.

Tre gli aspetti su cui focalizzare per una rilettura degli strumenti di interpretazione e applicazione abitualmente in uso.

1)   La connessione Psiche/Corpo

Circa le connessioni psiche-corpo dobbiamo rilevare come i modelli psicologici sviluppatisi nel XIX° secolo abbiano abbondantemente sviscerato, soprattutto nei vari approcci psicanalitici, i rapporti tra aspetti libidici da un lato e simbolici dall’altro di tali connessioni. Negli sviluppi di Reich e delle scuole postreichiane si coglie poi un ordine di equivalenza tra aspetti biologici, emozionali e cognitivi assai più marcato per merito della chiave di lettura energetica dell’organizzazione del vivente in particolare e dei fenomeni universali in genere. Dai diversi studi di matrice psicologica, medica, fisiologica e psicobiologica (soprattutto centrati sul trauma, sugli eventi stressanti e sui relativi network biochimici) abbiamo poi ricavato una vasta gamma di conoscenze sulla concomitanza di espressioni ora somatiche ora psicologiche a partire da eventi significativi intercorsi in qualche momento della nostra vita. Ben chiari da questo punto di vista sono ad esempio le conoscenze fondate sul significato, le attività e le risposte del sistema nervoso autonomo. Ancor più incisivo e paradigmatico è, da questo punto di vista,  l’inquadramento e  la ricerca sviluppate dalla Psico-Neuro-Endocrino-Immunologia (PNEI)

Mancano ancora, nella maggioranza degli approcci, una lettura puntuale della equivalenza tra significante psichico e biologico così come delle funzioni psichiche e delle aree conflittuali incarnate nella matrice biologica ed anatomica che caratterizzano ogni persona.

Si può rilevare insomma, che nel percorso didattico di formazione degli psicologi, così come dei medici, gli apparati e i sistemi corporei e quelli psichici  sono rimasti separati l’un l’altro rispetto ad una possibile sistematica olistica che comprenda non solo la lettura fondata sulle analogie funzionali psicobiologiche ma che prenda in considerazione la gamma completa della dimensione  temporale delle connessioni possibili tra eventi e manifestazione, vedasi ad esempio la mancanza, nella raccolta anamnestica di entrambe le discipline, di quella “patobiografia” che riteniamo elemento fondamentale per una reale comprensione delle modalità di risposta e adattamento della persona.

Gli ambiti di studio separano ancora, oltretutto, la sfera cognitiva da quella pulsionale da quella sociale.  Per tutto questo gli approcci terapeutici e gli interventi che vengono strutturati nelle varie scuole di psicoterapia sono allora necessariamente autoreferenziali: o cognitivo-comportamentisti o psicanalitici o sistemico-relazionali e così via.

Va certamente detto che mancava, nei diversi campi di indagine, ciò che si è aggiunto recentemente: la conoscenza dettagliata delle specifiche connessioni Psiche-organo descritte negli ultimi anni così come la conoscenza di campi informazionali e  di modalità nel trasferimento delle informazioni capaci di spiegare in maniera sufficientemente verificabile e riproducibile  possibili  “trasformazioni” della matrice biopsicologica, spiegazioni sino ad ora di pertinenza solamente  di indirizzi esoterici o metafisici.

2)   La Dimensione temporale della Connessione Psiche/Corpo

  • Nella storia della psicologia la radice temporale del bagaglio psichico, emozionale o cognitivo dell’adulto, letti o meno anche sul piano corporeo, è stata progressivamente spostata a fasi sempre più precoci. Se Freud, ad esempio, ha focalizzato sulle fasi di investimento sessuale della libido ( dai 0 ai 5 anni), Melanie Klein, Bowlby, Winnicott hanno individuato nel primo anno di vita la genesi dei tratti fondamentali della personalità, fondati dalla relazione con le figure oggettuali primarie, Frank Lake, tra gli altri, ha focalizzato sulla vita intrauterina e sul concepimento. Tanto meno è di comune riferimento per la psicologia accademica il ruolo che possono avere gli eventi o i vissuti prenatali ( descritti dalla psicogenealogia (da 2-5 o più generazioni precedenti) che costituiscono delle “impronte”  configuranti tratti caratteristici sia a livello corporeo che emozionale, mentale e relazionale. Se considerassimo le teorie Karmiche e della Reincarnazione potremmo includere tra queste anche influenze temporali estremamente più antiche, così come sul piano energetico astrale ben note sono le possibili impronte di origine astrologica. Ancora una volta mancano quasi sempre le spiegazioni di dove , quando e come i “determinanti” legati ad eventi ( planetari, storici o conflittuali) si siano incarnati in ambito corporeo o strutturati in ambito “psichico”, ribadendo qui ancora che tale dicotomia è assolutamente obsoleta.  Le domande a cui ancora sembrerebbe difficile dare una risposta sono allora:
  • Come e in qual modo qualcosa connesso in una linea temporale può esprimersi in aspetti spaziali (biologici) che compaiono o si manifestano durante lo sviluppo o ad un certo momento della vita di una persona?
  • Riusciamo, pur avendo compreso meccanismi così universali di funzionamento del network biopsicologico, a spiegare le differenze di risposta e la variabilità individuale ( perché una persona di fronte ad avvenimenti sovrapponibili si ammala di questo, un’altra di quello, un’altra non si ammala affatto, anzi ci guadagna di esperienza e di salute? Quello di cui si occupa l’Istituto, sul piano dell’indagine individuale, comprende ovviamente anche la risposta a tali domande.

3)   Le Nuove Figure Professionali

Abbiamo scelto di allestire questi Corsi di Formazione perché riteniamo le figure dell’Operatore e del Counselor Olistico quelle  più rappresentative del mutamento paradigmatico sviluppatosi negli ultimi decenni relativo al concetto di “cura” della persona. In tale mutamento è palese dover considerare la persona come un sistema unico e irripetibile interagente, nello spazio e nel tempo, con l’ambiente e le altre realtà, non solamente quindi una somma di parti ed entità separate ( organi, apparati, tratti caratteriali, ideologici, eccetera). Sul piano degli strumenti conoscitivi l’approccio olistico considera, oltre a ciò che viene comunemente riconosciuto dall’oggettività e verificabilità scientifica, tutte le possibili forme di conoscenza ( empatica, intuitiva, emozionale, metafisica) di cui dispone il genere umano. Riteniamo che a questo scopo sia fondamentale un percorso formativo che manca nell’impalcatura delle discipline accademiche: quello fondato su un intervento multidisciplinare che utilizzi stimoli e tecniche per una percezione, una comprensione ed uno sviluppo contemporaneo di tutte le componenti fondamentali della persona: quella corporea, quella emotiva, quella mentale, relazionale e spirituale.

Se tali competenze sono culturalmente riferibili a quanto era inteso nell’antichità come  ϑεραπεία (therapeía):  cura, guarigione, Il ruolo di queste figure non può né deve essere quello peculiare di risolvere aspetti specifici di quanto viene definito patologico o malato ma quello di ri-orientare la persona affinché possa sviluppare, semmai ne necessiti, anche una domanda più consapevole in ambito medico, psicologico, fisioterapico, energetico o spirituale.D’altro lato gli ambiti di competenza degli Operatori e dei Counselor Olistici potrebbero opportunamente essere le figure di complemento ed espansione dell’attività terapeutica di ambito specifico, psicoterapico e sanitario.

A tale scopo riteniamo maggiormente utile l’acquisizione e l’utilizzo di strumenti autopercettivi e di re-informazione cognitiva ed  energetica fondamentalmente centrati sul corpo, proposti sia nel corso di Counselor che di Operatore olistico, così come strumenti di sviluppo della coscienza transpersonale che prendano origine da tali esperienze piuttosto che da pur interessanti costrutti teorici.

Contattaci
oppure rispondi a questa pagina per ulteriori specifiche sulle tue eventuali aspettative!!