L’aspetto applicativo

Il modello applicativo dell’Istituto fa propria l’ipotesi che un percorso di sviluppo e riorganizzazione degli aspetti energetici e corporei delle persone, attraverso un approccio esperienziale e l’uso di manualità “dedicate”, si accompagni allo sviluppo di capacità auto-percettive, di consapevolezze emozionali, di riconnessione a radici conflittuali transpersonali e trangenerazionali, di riconnessione alle forze di autorealizzazione globali, tutte indispensabili sia allo sviluppo della salute e della “guarigione” da situazioni di sofferenza sia alla comprensione e realizzazione del senso proprio e della funzione unica e irripetibile della propria esistenza.

La risorsa fondamentale, anche energetica, di tali strumenti di sviluppo è individuata non solo nelle risorse e nelle capacità di intervento tecnico o cognitivo dell’operatore ma nella sintonia del campo relazionale che quest’ultimo riesce a sviluppare in considerazione del proprio bagaglio caratteriale ed esperienziale, di quello della persona che gli sta di fronte ed in un costante riferimento a componenti sovra-individuali di azione e interazione.